Articoli di Medicina Sportiva

LE LESIONI DEI LEGAMENTI CROCIATI DEL GINOCCHIO SONO UNA FATALITA' O POSSONO ESSERE PREVENUTI?

I legamenti crociati (LC) sono due corde tese fra tibia e femore con la funzione di stabilizzare il ginocchio durante i movimenti di torsione e decorrono all'interno dell'articolazione.

1) A cosa servono i legamenti crociati?

La funzione dei LC anteriore (LCA) e posteriore (LCP) è d'impedire lo spostamento rispettivamente anteriore o posteriore della tibia rispetto al femore.

 

2) Come avviene normalmente la lesione dei LC?

I LC si rompono essenzialmente per un trauma di tipo distorsivo con maggiore prevalenza del LCA. Spesso la rottura di un LC si accompagna anche a lesione dei legamenti collaterali, dei menischi e della capsula articolare.

 

3) La lesione del LCA avviene in qualsiasi soggetto o solo nello sportivo?

La lesione del LCA è un tipico infortunio sportivo (calcio, sci, basket, tennis, rugby...) e quindi i soggetti più a rischio sono giovani e adulti attivi.

 

4) La lesione dei LC è una fatalità o avviene spontaneamente?

Contrariamente a quello che gli atleti pensano i LC raramente si rompono per un evento violento ma nella maggioranza dei casi si rompono senza che sia avvenuto nessun contatto con altri atleti. Di solito la lesione dei LC è dovuta a una distorsione tale da non essere compensata da una muscolatura del ginocchio spesso inadeguata a sostenere lo sforzo.
85 - 90 % Causa spontanea
15 - 20% Evento violento
La lesione del LCA avviene quindi a causa di un'insufficiente forza dei muscoli flessori o di una sproporzione fra la forza dei muscoli flessori ed estensori. Questo fatto può provocare anche la rottura dei muscoli estensori del ginocchio (quadricipite) o dei muscoli flessori, in particolare del bicipite femorale.

 

5) Può guarire un LC lesionato?

Il LCP, che è ben vascolarizzato, può cicatrizzare, purchè non venga sollecitato per alcune settimane. Il LCA non va invece incontro a guarigione perchè la sua vascolarizzazione è insufficiente a sostenere i processi riparativi. Una volta rotto, degenera irreversibilmente lasciando instabile il ginocchio in modo inaccettabile in giovani e adulti ancora attivi.

 

6) Come si cura la lesione dei LC?

La guarigione può avvenire solo mediante intervento chirurgico di ricostruzione del LCA utilizzando il tendine rotuleo oppure i tendini gracile e semitendinoso che però comportano delle conseguenze quali artrosi precoce del ginocchio e rischio di una nuova rottura. E' comunque necessario un lungo periodo di riabilitazione di circa 6 mesi per riottenere una condizione accettabile e riprendere l'attività agonistica.

 

7) E' possibile prevedere la lesione del LCA?

E' sufficiente valutare la forza dei muscoli flessori ed estensori del ginocchio mediante un test isocinetico per misurare il rischio non solo di lesione del LCA ma anche dei muscoli flessori ed estensori del ginocchio stessi.

 

8) Come si effettua il test isocinetico?

Dopo 10' di riscaldamento si effettua la prova vera e propria che consiste nell'estendere e flettere il ginocchio contro resistenza più volte. La macchina, simile a una leg extension che però presenta resistenza anche in flessione, misura quanta potenza viene erogata dai muscoli flessori ed estensori. La prova avviene in due step, prima a 180°/s e poi a 90°/s. In base ai valori rilevati è possibile stabilire il grado di rischio di lesione dei muscoli flessori ed estensori
e del LCA.

Apparecchio per il test isocinetico

 

9) Una volta individuato un soggetto a rischio è possibile intraprendere un programma per ridurre la probabilità di lesione del LCA?

Assolutamente si. Gli apparecchi isocinetici non servono solo come strumenti di individuazione del rischio di LCA ma anche come macchine da allenamento per riportare i muscoli flessori ed estensori del ginocchio a una condizione adeguata.

 

10) Con il test isocinetico è possibile rilevare anche il rischio di lesioni muscolari?

Si. Non solo viene individuato il rischio di lesione del LCA ma anche dei muscoli estensori e flessori del ginocchio.

 

Dr. Marco Moretti

Specialista in Medicina dello Sport

 

BIBLIOGRAFIA

1) Medicina (Kaunas). 2011;47(8):446-52. Epub 2011 Nov 18.

Assessment of reliability in isokinetic testing among adolescent basketball players.

Carvalho HM, Coelho E Silva MJ, Ronque ER, Gonçalves RS, Philippaerts RM, Malina RM.

2) Eur J Phys Rehabil Med. 2012 Jun 20. [Epub ahead of print]

Does choice of angular velocity affect pain level during isokinetic strength testing of kneeosteoarthritis patients?

Almosnino S, Brandon SC, Sled EA.

3) Phys Ther Sport. 2012 Aug;13(3):156-62. Epub 2011 Oct 22.

Reproducibility of isokinetic knee eccentric and concentric strength indices in asymptomatic young adults.

Almosnino S, Stevenson JM, Bardana DD, Diaconescu ED, Dvir Z.

4) J Sci Med Sport. 2012 Mar 15. [Epub ahead of print]

Correlation of isokinetic and novel hand-held dynamometry measures of knee flexion and extension strength testing.

Whiteley R, Jacobsen P, Prior S, Skazalski C, Otten R, Johnson A.

 



Corsi ECM per medici

Photogallery del Centro

INDICE ARTICOLI

Ossigeno-ozonoterapia

Le lesioni dei legamenti crociati del ginocchio sono una fatalità o possono essere prevenuti?

L'ossigeno - ozonoterapia in medicina dello sport

La morte improvvisa di origine cardiaca: è un evento imprevedibile o può essere identificata per tempo?

Copyrighy e riproduzione degli articoli di questo sito web ---->>